E QUESTI SONO I DIRIGENTI PROFUMATAMENTE BEN PAGATI DALL’ATER!

QUESTA E LA ALLUCINANTE RISPOSTA DELLA RESPONSABILE DELL’ANTICORRUZIONE E DEGLI UFFICI DI ZONA CHE EVIDENTEMENTE E’ ABITUATA A INTERPRETARE LA NORMATIVA SECONDO IL SUO GRADO DI UMORE DEL MOMENTO.

E DIMOSTRA INOLTRE DI NON CONOSCERE COME SONO INSERITI NEL BILANCIO GLI ALLOGGI DELL’ATER DI ROMA.

GENTILE DOTT.SSA  CI DICONO CHE LEI E’ STATA CACCIATA DA BOLOGNA E CE LA SIAMO RITROVATA NOI QUI A ROMA DOVE LEI SI E’ MOLTO ATTIVATA PER FARE CARRIERA SE NON SBAGLIO?

POI CI RISULTA CHE FU CHIAMATA DALLA RAGGI COME DIRETTORE DEL PATRIMONIO, MA CI RISULTA ANCHE CHE LA RAGGI L’HA SUBITO RISPEDITA ALL’ATER DI ROMA COME MAI?

CI RISULTA ANCHE CHE UN CERTO COMMISSARIO LA VOLEVA LICENZIARE O MI SBAGLIO?

SPERO SOLO CHE LA METTANO IN CONDIZIONI DI NON FARE ULTERIORI DANNI.

A PROPOSITO HA POI DENUNCIATO QUELLE DUE FAMOSE DELIBERE RIGUARDANTI 2 ALLOGGI A GARBATELLA?  A DUE OCCUPANTI ABUSIVI CHE NON NE AVEVANO TITOLO?

ERA SUO COMPITO O SBAGLIO?

*^*^*^*^*^*^*

Il lun 8 lug 2019, 10:07 Posta Anticorruzione <anticorruzione@aterroma.it> ha scritto:(UN CUMULO DI FESSERIE)

Gentile Signora *********

il contenuto della Sua mail del 2 luglio scorso esula in massima parte dall’ambito di competenza del RPCT. Mi limito pertanto a ricordare quanto segue. (????)

Per quanto riguarda la regolarità del procedimento di Suo interesse, risulta agli atti che lo stesso è stato avviato con la Sua richiesta del 4.6.2018, prot. ricezione 62907, con risposta negativa di ATER in data 19.7.2018, n. 75298. (la risposta data da lei dott.ssa grassia perché altri uffici avevano detto il contrario è lei che si è infilata a gamba tesa e ha detto NO)

L’istanza è stata successivamente reiterata –  in forma di cambio consensuale, ma non congiuntamente con altro assegnatario, dunque irricevibile – in data 21.2.2019, n. 13157.

È stato dato comunque esito anche a questa seconda richiesta irrituale con la nota della Direzione generale del 14.5.2019, n. 32934 di offerta di due alloggi adeguati a soddisfare le esigenze eccezionali da Lei rappresentate. (alloggi assolutamente NON adeguati alle esigenze di questa famiglia)

Entrambi gli alloggi sono stati rifiutati, per motivazioni attinenti alla distanza casa-lavoro, che esulano dunque dall’ambito delle esigenze eccezionali cui è riservata la procedura speciale presso ATER.  Era ed è dunque percorribile  la procedura ordinaria di cambio individuale presso Roma Capitale per l’inserimento nella relativa graduatoria. In caso contrario, si violerebbe la parità di trattamento con richiedenti con le medesime esigenze che sono in attesa nella graduatoria stessa.(Lei sta dicendo falsità non era per la distanza dal lavoro ma era per la scuola dove i figli già sono iscritti e frequentano capisco che lei queste cose non le puo’ capire e non le ritiene gravi)

Il procedimento presso ATER si è dunque concluso con la nota del Servizio competente in data 4.7.2019, n. 42271.(Vorrà dire con un abuso di potere da parte del suo servizio, perchè altri servizi avevano detto esattamente l’opposto)

Per quanto riguarda l’obiettivo da Lei apertamente dichiarato di acquistare un alloggio di proprietà dell’Azienda a prezzo ERP, la normativa prevede che possano essere acquistati dagli assegnatari gli alloggi loro assegnati, se ne è prevista la vendita, e che non siano ammessi cambi verso alloggi in vendita,(FALSO LA LEGGE NON DICE QUESTO! la legge dice che non possono costituire oggetto del programma di mobilità alloggi inseriti in piani di cessione , che non avete mai fatto, di mobilità)  ovvero che la richiesta di cambio non possa essere finalizzata all’acquisto. È esclusa dunque la possibilità di scegliere, anche attraverso la via del cambio, un alloggio da acquistare a prezzo ERP. (Falso se gli fate il cambio, che si può fare  la sig.ra lo può acquistare)L’alloggio in questione è peraltro destinato alla vendita all’asta, cui Lei può partecipare a parità di condizioni con gli altri ricorrenti e al prezzo d’asta.(Ancora co sta vendita all’ASTA siete dei criminali che violate le leggi quegli alloggi vanno riassegnati non si può lucrare sulle case popolari ci sono sentenze al riguardo)

Per quanto concerne gli aspetti della Sua mail che non possono essere a Sua diretta conoscenza, quali lo stato manutentivo e giuridico di un determinato alloggio dell’Azienda e la destinazione che ATER intenda darvi, non può che trattarsi che di mere illazioni, come tali non influenti sul procedimento.(non possono essere a sua diretta conoscenza? Ma si rende conto di ciò che dice? E la trasparenza? E la legalità? Capisco per voi è arabo.)

Cordiali saluti

Stefania Grassia

Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza

Lungotevere Tor di Nona, 1

00186 ROMA

tel. 06 68842330 – fax 06 68842236

s.grassia@aterroma.it anticorruzione@aterroma.it

www.aterroma.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *