LA DOTT.SSA GRASSIA HA CREATO TALE DRAMMA E IL DIRETTORE E IL COMMISSARIO CHE FANNO?

STIAMO CHIEDENDO UN APPUNTAMENTO SIA AL DIRETTORE CHE AL COMMISSARIO PER RISOLVERE NUOVAMENTE TALE PROBLEMA (E NON SOLO QUESTO)  BLOCCATO PER L’ABUSO DI POTERE INTERPRETATIVO DELLE NORMA DA PARTE DELLA DOTT.SSA GRASSIA.

STIAMO ANCORA ASPETTANDO, TANTO NON SONO LORO  COSTRETTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI, NON SONO LORO CHE DEBBONO AFFRONTARE MILLE SACRIFICI PER ACCUDIRE IL PROPRIO PADRE A LORO  CHE GLIENE FREGA LORO STANNO TRANQUILLI AL LORO POSTO PROFUMATAMENTE BEN PAGATI MENTRE I CITTADINI DEBBONO AFFRONTARE MILLE PERIPEZIE PERCHE’ VI E’ UNA DIRIGENTE NOTA A TUTTI PER LA SUA INCAPACITA’ MA CHE INSPIEGABILMENTE NESSUNO FA NULLA PER RENDERLA INOFFENSIVA.

QUESTA E’ LA SITUAZIONE DELL’ATER DI ROMA, PERCHE’ SOLO ALL’ATER DI ROMA ACCADONO CERTE COSE, CON LE ALTRE ATER DELLA PROVINCIA E DEL LAZIO NON CI SONO MAI PROBLEMI, MA E’ MAI POSSIBILE CHE LA REGIONE NON SI PONE TALE PROBLEMA?

INOLTRE CON LA SCARSITA’ DI ALLOGGI CHE CI SONO CON QUESTO CAMBIO NE HANNO DUE INDIETRO PER PRENDERNE UNO, PER CUI L’ATER DI ROMA CI GUADAGNA UN ALLOGGIO, A QUESTO PUNTO POSSIAMO SOLO DIRE CHE MENTRE IL DIRETTORE AVEVA DETTO SI A TALE CAMBIO CHI HA BLOCCATO TUTTO E’ STATA QUESTA FANTOMATICA DOTT.SSA GRASSIA ADDUCENDO RAGIONI ILLEGITTIME E FANTASIOSE.

QUESTA DIRIGENTE DA QUANDO FU CACCIATA DA BOLOGNA E ARRIVO’ ALL’ATER DI ROMA HA FATTO SOLO DANNI, INFATTI LA STESSA RAGGI CHE LA CHIAMO’ COME DIRIGENTE DEL PATRIMONIO E NOI NE FUMMO TUTTI FELICI, AVEVAMO LIBERATO L’ATER DI ROMA DA UNA INCAPACE,PURTROPPO DOPO POCHI MESI LA RAGGI LA RISPEDI ALL’ATER DI ROMA, PER NOSTRA DISGRAZIA.

PERO’ STRANAMENTE QUESTA DIRIGENTE CHE E’ ANCHE LA RESPONSABILE DELL’ANTICORRUZIONE E’ A CONOSCENZA DI ALCUNI ATTI NON CORRETTI FATTI DALL’ATER AI QUALI LEI STESSE AVEVA DATO RISPOSTA NEGATIVA,MA NON LI HA DENUNCIATI A CHI DI DOVERE,AVETE CAPITO CHE SOGGETTO ABBIAMO ALL’ATER DI ROMA?

*^*^*^*^*

ECCO ME SONO ANDATE LE COSE:

Da: **********@gmail.com]
Inviato: lunedì 15 aprile 2019 15:06
A: Andrea Napoletano; Michela Pace; romana salustri; Annamaria Addante; Oriano De Luca; Stefania Grassia; direzionegenerale@aterroma.it
Oggetto: CAMBIO URGENTE

Caro Direttore, Gentili tutti,

E’ stato avviato un procedimento amministrativo in data 21.02.2019 con n° di protocollo 13157, nel quale la richiesta del cambio è esplicita per l’alloggio di viale di ******* a questo procedimento a tutt’ oggi non ho ottenuto una risposta ufficiale dalla Vs. azienda.  

Comincio a pensare per le modalità in cui si sta gestendo la pratica suddetta,  che la mia situazione sia diventata un braccio di ferro che la dirigenza dell’azienda vuole avere con la Sig,ra Addante, non pensando minimamente al danno che sta causando ad un’ uomo costretto a casa.

Faccio presente che la proposta di un’eventuale vendita con affitto calmierato mi è stata fatta nel mese di novembre u.s..

A tale proposta avevo dato la mia adesione, è stata la direzione stessa a proporre in seguito l’affitto ERP.

Inoltre l’azienda da questa trattativa ricaverebbe 2 alloggi ed una vendita.

Dov’è il danno ERARIALE che l’azienda ha paura che qualcuno ai vertici recrimini?

Il danno erariale di cui mi ha parlato la sig.ra Pace lo sta facendo l’azienda stessa a tutti i cittadini, (MA VOGLIAMO VERAMENTE ANDARE A VEDERE I VERI DANNI ERARIALI?)visto che per l’alloggio da me indicato, l’ater paga al condominio dello stabile  una spesa fissa ogni mese, solo per il fatto stesso che l’alloggio è in un condominio misto pertanto le spese condominiali sono a carico del proprietario.  

Ancora dall’incontro con la Sig.ra Pace, è emerso che nello stabile da me indicato, siccome l’Ater non detiene il 10% degli alloggi per legge è costretta a vendere, visto che l’alloggio in questione non ha, CASUALMENTE, nessun intestatario, la legge prevede che l’alloggio sia messo in vendita tramite un’asta pubblica.(UN’ARTICOLO DI LEGGE INSERITO NEL BILANCIO REGIONALE CHE E’ ILLEGITTIMO ) Questa è la spiegazione verbale datami dall’azienda nella persona della Sig.ra Pace.

Ma l’alloggio in questione è vuoto da oltre 2 anni!!! (QUESTO E’ IL VERO DANNO ERARIALE E NON SOLO QUESTO)

Di cosa stiamo parlando????

Per le motivazioni sopra elencate mi hanno proposto un altro alloggio, nella stessa zona, ma purtroppo in uno stabile dove l’alloggio risulta occupato, gli ascensori fuori uso un giorno si e l’altro pure! ma… l’alloggio proposto in alternativa non è sicuramente considerato di PRESTIGIO!

Il Signore per il quale sto facendo tutto questo, MIO PADRE, vorrei ricordarvi che  paga regolarmente l’affitto a tale azienda da 63 anni, senza mai avere saltato una sola bolletta e che vi sta restituendo 2 alloggi funzionali per i quali l’azienda non deve investire alcun denaro, perchè abitabili da subito!!! Mi può spiegare qualcuno perchè mio padre non ha diritto di prelazione sull’alloggio da noi indicato?

Non è forse un inquilino regolare? o ci sono inquilini di serie A e serie B?

niente lui resta Recluso a casa.

Qui qualcuno non ha fatto bene il suo lavoro, qui qualcuno ha gestito la situazione senza pensare che davanti ha delle persone oneste, che faranno di tutto per arrivare ad una soluzione. 

Nel frattempo la domanda sorge spontanea… Il tempo sta passando, mentre la burocrazia frena e nessuno risponde, non è che tante volte invece l’ufficio vendite di Valle  Aurelia… sta procedendo con la preparazione dell’asta!!! il colmo! ma a questo punto???

In tutto questo c’è un SILENZIO assordante da parte del Dottor NAPOLETANO.

Dov’è? cosa pensa di tutto ciò si è allineato con la sig.ra Salustri e la Dott.ssa Grassia relativamente a quanto è emerso?

Sopratutto si rende conto che a noi è stato messo per iscritto che il provvedimento risultava pronto, con una mail del 2.04.19 da parte della Sig.ra Pace,  che lo scalino con la dott.ssa Salustri era solo la fine di un cerchio????? POI????????

Vi rendete conto che mi è stato detto di poter iscrivere i miei tre figli alle scuole nelle vicinanze dell’alloggio indicato? e LO FATTO!

Oggi mi trovo costretta dopo un lunghissimo anno e 6 mesi di parole, mail ecc. a pretendere da voi una soluzione urgente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *