CHI HA DIRITTO ALL’ALLOGGIO PER IL COMUNE DI ROMA NON ESISTE NONOSTANTE ALLOGGI VUOTI DEVE ASPETTARE, MA NON SI SA PERCHE’!

CHI HA DIRITTO DI AVERE UNA CASA E ASPETTA DILIGENTEMENTE LA GRADUATORIA, FINALMENTE ARRIVA AD ESSERE LA PRIMA IN GRADUATORIA, MA NON RIESCE AD AVERE LA CASA ASSEGNATAGLI, PERCHE’ GLIE L’HANNO OCCUPATA!!!!

QUESTO E’ IL MODO DI LAVORARE DEL COMUNE DI ROMA, NON SI RENDONO NEANCHE CONTO CHE GLI OCCUPANO LE CASE E LE ASSEGNANO POI IL CITTADINO VA PER PRENDERNE POSSESSO E LA TROVA OCCUPATA.

ORA NEL DECIMO MUNICIPIO NON SI CAPISCE BENE DA CHI DECISO GLI ALLOGGI LIBERI NON SI ASSEGNANO PERCHE’ HANNO IL PROBLEMA DI TRASFERIRCI COLORO CHE STANNO NELLE CASE DI ARMELLINI E CHI HA DECISO QUESTO?

ANCHE LA SIGNORA E’ DEL DECIMO MUNICIPIO ED HA 78 ANNI PER CUI NON SI COMPRENDE IL MOTIVO DI TALE SCELTA FATTA DA CHI? DA QUALE DIRIGENTE?

L’INCAPACITA’ MANAGERIALE DEI DIRIGENTI DEL COMUNE MESSI DAI 5 STELLE E’ ORMAI NOTA A TUTTI!

Mia madre, 78 anni invalida 100%, dopo domanda x alloggio Erp, viene chiamata per la scelta della casa dall’ufficio assegnazione del Comune di Roma in piazza G. Da Verrazzano.

La lista delle casa tra cui poter scegliere viene proposta su di un anonimo foglio in bianco, dove le case solo elencate su di un schema, rigorosamente scritto tutto a penna, in cui ci sono il dettaglio dell’immobile ( municipio, ubicazione senza numero civico, piano e mq).

Ci sono delle case anche nel X municipio ( premetto che mia madre e residente nel X municipio da circa 50 anni) ma sono barrate con una x, le funzionarie ci spiegano che il X municipio non può essere scelto perchè c’è un blocco assegnazione per via dell’emergenza abitativa delle case di sabbia di Armellini.

Malgrado la nostra insistenza mia madre alla fine sceglie zona Trullo.

Veniamo successimente chiamati dall’ufficio tecnico dell’Ater di zona per la consegna delle casa.

Nel mentre riusciamo a parlare con l’assistente sociale del x Municipio, la quale ci conferma anche Lei del blocco assegnazioni, (disposto direttamente dal Comune di Roma) del X municipio per diritti acquisiti degli assegnatari delle case di Sabbia di Armellini; inoltre presentiamo un accesso agli atti perche’ volevamo avere copia cartacea della disposizione di blocco assegnazioni del X municipio.

Quando andiamo a prendere possesso della casa i tecnici dell’Ater si accorgono che la casa e’ stata occupata.

Quindi andiamo via con la spiegazione dei tecnici che saremo poi ricontattati dall’ufficio assegnazioni.

Torniamo a piazza G. Da Verrazzano parliamo con una delle due funzionarie dell’assegnazione che ci spiega che per quanti riguarda la casa occupata partiranno le procedure di sgombro, mentre per mia madre dovrà  attendere nuovamente che vengano liberati e comunicati nuovi alloggi relativi al suo nucleo familiare e richiamata per nuova assegnazione, mia madre che era la prima in graduatoria.

La funzionaria ha anche notato la nostra richiesta di accesso agli atti comunicandoci che non c’era nessun atto ma che era una decisione del dirigente!!! Mia madre e’ andata nuovamente a chiedere informazioni passate due settimane e la risposta e’ stata  che avrebbero dovuto attendere perche’ non avevano la sala per effettuare le assegnazioni.

Grazie

Ciolli Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *