BUSSINES CASE POPOLARI ATER , 6 ARRESTI


Roma

Sgominato il business delle case popolari, 52 persone indagate per corruzione tra Comune ed Ater e 6 arrestate. Le intercettazioni: “C’avemo in mano ‘a graduatoria”. La consigliera regionale M5S Lombardi chiede al commissario Ater votato dal Pd di fare chiarezza.

Sono 52 le persone che hanno messo in piedi un sistema corruttivo sull’assegnazione delle case dell’Ater. È quanto emerge dall’inchiesta della procura di Roma che ha condotto a sei arresti, qualche giorno fa: gli indagati avrebbero allestito un tariffario per ogni commissione, da 1500 a 17000 euro per dare informazioni riservate sulle case da occupare, nulla osta e autorizzazioni per regolarizzare la presenza negli immobili e scalare illecitamente la graduatoria. 50 gli immobili coinvolti, su tutta Roma.

“Su Ater – spiega Roberta Lombardi – serve fare chiarezza, coinvolgendo il neo commissario e designato presidente Ater Roma, nominato dalla giunta e votato in commissione dai membri della maggioranza. L’inchiesta dimostra che il commissariamento non significa maggior controllo, anzi spesso dalla cronaca di apprende il contrario. Aspettiamo di uscire da questo commissariamento, che non ha risanato le casse di Ater mentre le manutenzioni ordinarie procedono ancora a singhiozzo, quelle straordinarie sono miracoli sporadici e per casi disperati ed ora, in questo scenario già disperante, arriva l’inchiesta della procura”.

“Ci sono una Regione e una comunità ferite – continua la Lombardi – che meritano verità e dignità: dobbiamo garantire azioni e misure risolutive, partendo da quel che le renda credibili. Altrimenti si ricade nella solita logica, ben nota alle politiche abitative, della speculazione politica: sempre grave e a danno delle Comunità, imperdonabile se riferita agli spaccati sociali più in difficoltà”.

LA LOMBARDI HA RAGIONE,MA SI DA IL CASO CHE LA REGIONE LAZIO SI OCCUPA DI TALE PROBLEMA DA SEMPRE E NON MI SEMBRA CHE ABBIA FATTO MOLTO PER RISOLVERE TALI PROBLEMI BASTA VEDERE I COMMISSARI CHE SI SONO SUSSEGUITI SENZA MAI FARE IL C.D.A

IO TEMO CHE L’IMPICCIO SULL’ATER NON SIA FINITO CON QUESTI ARRESTI PERCHE’ C’E’ ANCHE CHI ALL’INTERNO DELL’ATER LAVORA IN PROPRIO.

INOLTRE SE LA REGIONE CONTINUA A FARE DELIBERE OSCENE E VORREI TANTO SAPERE IL M5 S CHE COSA NE PENSA DELLA DELIBERA 410 QUELLA CHE VENDE LE CASE A PREZZI OMI OVVERO DI MERCATO CREDO CHE IL PROBLEMA NON SI RISOLVERA’ MAI .

INOLTRE SENTIRE QUELLO CHE VA DICENDO IN GIRO IL RESPONSABILE DELLA CASA YURI TROMBETTI  CHE SEMBRA CADUTO DAL PERO E CHE FORSE DIMENTICA CHE IL PD GOVERNA DA BEN DUE LEGISLATURE ALLA QUALE ABBIAMO SEMPRE DETTO CHE COSA SI DOVEVA FARE MA SE NE SONO FREGATI E ORA FINALMENTE SI SVEGLIANO, E PARTORISCONO L’ABOMINEVOLE DELIBERA 410 PER VENDERE LE CASE A PREZZO DI MERCATO .

SE QUESTA E’ LA POLITICA DEL PD AUGURI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *