ANCHE I MIGLIORI ALL’ATER SI ROVINANO!

QUESTO E’ IL DIRETTORE DELL’ATER DI ROMA E MI CHIEDO, MA PERCHE’ QUANDO ARRIVANO ALL’ATER DI ROMA DIVENTANO TUTTI IMPOTENTI E NULLA CAMBIA?

QUALE MALEFICO SORTILEGGIO C’E’ ALL’ATER DI ROMA?

IO AVEVO RIPOSTO MOLTE SPERANZE CON QUESTO GIOVANE DIRETTORE, MA PURTROPPO NON E’ STATO NE MIGLIORE E NE PEGGIORE  ANZI DIREI ASSENTE , PERCHE’ NULLA E’ CAMBIATO L’ATER FUNZIONA SEMPRE PEGGIO E CHI FACEVA IL PADRONE PRIMA CONTINUA A FARLO TRANQUILLAMENTE .

FORSE CON CALENDA ERA BRAVO PERCHE’ ERA CALENDA QUELLO BRAVO E LUI DOVEVA SOLO ESEGUIRE LE SUE DIRETTIVE.

ALL’ATER DI ROMA OGGI CHI DA LE DIRETTIVE?

IL COMMISSARIO NON C’E’  IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NON ESISTE I REVISOLRI DEI CONTI NON CI SONO Più DA CIRCA UN ANNO ED E’ MOLTO GRAVE TALE ASSENZA.

LE VENDITE SONO BLOCCATE IL PIANO VENDITA FATTO DAL COMPIANTO MAZZETTO CHE ERA SBAGLIATO NESSUNO LO HA CORRETTO PER CUI SI CONTINUA NELLA ILLEGALITA’.

NON SI RIESCE AD AVERE NE TRASPARENZA E NE LEGALITA’ ALL’INTERNO DELL’ATER DI ROMA DA CHE DIPENDE TUTTO CIO’?

DA UNA CLASSE POLITICA INCOMPETENTE E INEFFICIENTE O DA FORSE OCCULTE CHE IMPEDISCONO O INTIMORISCONO?

MA LA COSA PIU’ GRAVE E CHE SI CONTINUANO A FARE ATTI ILLEGITTIMI E LUI CHE FA? TACE?

QUESTA E’ LA SITUAZIONE E POI CI VENGONO A DIRE DI VOTARE SMERIGLIO CHE NON HA MAI VOLUTO ALZARE UN DITO PER SISTEMARE L’ATER DI ROMA, CHISSA’ PERCHE’ FORSE GLI FACEVA COMODO COSI?

Andrea Napoletano è un manager pubblico, nato a Roma nel 1978.

Studia alla Libera Università degli Studi Sociali Guido Carli dove consegue la laurea con lode in Giurisprudenza, con pubblicazione della tesi (1). Durante gli studi universitari gli viene conferita una borsa di studio con la quale accede alla University of Exter, Devon, nel Regno Unito.

Nel 2003 entra in Value Partners Management Consulting Spa, società di consulenza strategica ad imprese e fondi di investimento internazionali attiva a livello globale, con sedi in Europa, America latina, Asia e Oceania. Tra il 2008 ed il 2012, cura progetti strategici, con incarichi sempre crescenti fino a diventare Senior Engagement Manager, a supporto del Top Management di grandi aziende multinazionali, istituzioni finanziarie e fondi sovrani e comuni, acquisendo una vasta esperienza su tematiche di promozione degli scambi e attrazione degli investimenti in Italia e all’Estero (Sudafrica, Turchia, Brasile, UK, ecc.).

Segue e realizza piani industriali, di promozione, di marketing territoriale per alcuni fra i maggiori operatori nell’entertainment, telefonia, energia, produttori di beni di consumo ed istituti bancari, per uno dei quali redige un articolo (2) di approfondimento sulle metodologie di pagamento.

Dal 2012 entra a far parte degli Uffici di Diretta Collaborazione del Ministro dello Sviluppo Economico; tra i suoi incarichi: predisposizione, program management e stesura del Piano Export 2013-15 per la Cabina di Regia interministeriale, redazione del Portafoglio di Offerta delle opportunità di investimento per Gruppo di Lavoro Attrazione Investimenti – Mise – Agenzia ICE – Invitalia, supporto al Gruppo di Lavoro Coordinamento dei Programmi Promozionali dei Sistemi pubblici e privati coinvolti nel processo di Internazionalizzazione

Nel 2013 Napoletano viene nominato Direttore dell’Ufficio di Supporto all’Attrazione degli Investimenti Esteri presso L’ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane; tra le numerose attività svolte, le principali sono: identificazione delle opportunità di investimento in Italia e dei paesi prioritari per la crescita degli investimenti esteri e assistenza e supporto operativo all’investimento. Nel contempo è responsabile del gruppo di lavoro sulla razionalizzazione e l’efficientamento dell’ICE Agenzia; è inoltre impegnato nei progetti relativi all‘assistenza alle imprese e della realizzazione di piattaforma di Customer Relationship Management e di un sistema di controllo di gestione e corsi di formazione per il personale.

Dal 2014 supporta la segreteria tecnica del Ministero seguendo alcuni aspetti di politica commerciale e promozione degli scambi nel ruolo di Consigliere economico del Vice Ministro dello Sviluppo Economico, a incarico che ricopre a titolo gratuito.

Nel 2015 viene eletto, dall’Assemblea Generale, Vice Presidente del WAIPA, Associazione mondiale delle agenzie di promozione ed attrazione investimenti (fondata dall’UNCTAD – United Nations Conference on Trade and Development) che conta 130 Paesi membri, il cui comitato consultivo è costituito da:

· Investment Climate Advisory Services (ICAS) of the World Bank Group;

· International Economic Development Council (IEDC);

· Organisation for Economic Co-Operation and Development (OECD);

· United Nations Conference on Trade and Development (UNCTAD);

· United Nations Industrial Development Organization (UNIDO).

Da gennaio 2016 Andrea Napoletano è Direttore del Coordinamento dell’Area Attrazione Investimenti Esteri e dell’Ufficio Promozione Investimenti dell’ICE Agenzia e la Fondazione Manlio Masi ha recentemente pubblicato una sua relazione (3) nella quale analizza i parametri di misurazione della competitività del Paese e la reale corrispondenza tra questi ultimi e il potenziale di attrazione degli investimenti esteri dell’Italia.

1) “Regime delle Opere di Urbanizzazione alla Luce della Merloni Quater” sulla rivista trimestrale I contratti dello Stato e degli Enti Pubblici di Maggioli Editore 2)“La grande Corsa ai Micropagamenti” – Rivista Dell’ Associazione Nazionale Banche Popolari – Credito Popolare 3) “La competitività, come misurarla? Il ranking «Doing Business» come leva per la promozione degli scambi internazionali e l’attrazione degli investimenti esteri” – Osservatorio Nazionale per l’Internazionalizzazione e gli scambi – Fondazione Manlio Masi 

 

4 pensieri su “ANCHE I MIGLIORI ALL’ATER SI ROVINANO!

  1. pippolo

    Purtroppo, sono convintissimo che se non ci sei nato in una casa popolare come ad es. in un alloggio Ater e quindi ci sei dentro e naturalmente hai le idee chiare e sopratutto sei un cittadino onesto, di conseguenza sai cosa devi fare e come agire, questa è la realtà, solo se arrivasse uno di queste conoscenze e mentalità potrebbe cambiare qualcosa-

  2. addante Autore articolo

    io invece penso che alla fine se ne fregano tutti e si adeguano a quanto determinano certi personaggi dell’Ater di Roma protetti politicamente e soprattutto alla mancanza di volontà di studiare approfondire e indagare sull’operato di certi uffici.

  3. pippolo

    Credo che se sei dentro sai già quello che devi fare e come farlo, se vieni da un altro mondo, devi capire quello che devi fare e come farlo, ti ci vuole una vita, solo chi sta dentro conosce la chiave e il portone dei segreti.

  4. addante Autore articolo

    LOTTARE DA SOLO CONTRO TUTTI è QUASI IMPOSSIBILE, SE GLI ASSEGNATARI FOSSERO PIU’ PARTECIPI SI POTREBBERO FARE MOLTE COSE MA I CITTADINI ITALIANI SONO ABITUATI A DIRE ARMIAMOCI E PARTITE MENTRE LORO RIMANGONO A CASA ECOSI LEGUERRENON SI FANNO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *